Fango contro Pio XII

Un libro, pubblicizzato in tutto il mondo, accusa Pio XII di avere aiutato Hitler a prendere il potere. Ma ciò che si vuole colpire non è un Papa: è la concezione cattolica del papato. “L’Osservatore Romano” smonta le calunnie.

di Antonio Gasparri, da Il Timone (01-02/2000)

Nel mese di ottobre 1999, l’editrice britannica Viking ha pubblicato il libro: Hitler’s pope: The Secret History of Pius XII (II Papa di Hitler: la storia segreta di Pio XII). L’autore del volume è John Cornwell, fratello del più famoso John Le Carré, che in realtà si chiama David Cornwell.

Come è già evidente nel titolo, John Cornwell sostiene che Papa Pio XII era antisemita e che aiutò Adolf Hitler a prendere il potere. Nella presentazione del volume la Viking ha scritto che si tratta della “storia mai raccontata del più pericoloso uomo di chiesa della storia moderna”. II libro contiene accuse gravissime contro Pio XII, il quale non sarebbe responsabile solo del “silenzio” nei confronti delle atrocità naziste, ma addirittura avrebbe contribuito alla presa del potere da parte dei nazisti. A giudizio di Cornwell “Hitler non avrebbe mai avuto il potere di perpetrare l’olocausto senza l’aiuto di Pacelli”. Cornwell sostiene inoltre che Pio XII era antisemita, narcisista, e il suoi pontificato è stato segnato da ambizioni politiche e spirituali, le stessei che “starebbero influenzando il pontificato di Giovanni Paolo II”. Come era ovvio, il libro di Cornwell ha scatenato un’infinità di polemiche. Padre Pierre Blet, che insieme a Angelo Martini, Burkhart Schneider e Robert A. Graham ha curato, su incarico di Papa Paolo VI, la pubblicazione dei dodici volumi: “Atti e documenti della Santa Sede durante la Seconda Guerra Mondiale”, ha dichiarato che: “II libro di Cornwell è molto confuso. Non si tratta di una vera analisi storica. Mancano i documenti a sostegno delle sue tesi. Vengono mosse accuse gravissime a Pio XII, senza la prova dei fatti”. Padre Georges Cottier, teologo della Casa Pontificia e presidente della Commissione teologico-storica del Giubileo, ha spiegato che: “Contro Papa Pio XII si assiste ad uno scandalismo continuo, disonesto. Sono ormai quasi quarant’anni che accuse di ogni genere sono riversate contro la memoria del pontefice scomparso nel 1958, ma ogni volta non mi riesce di trovare una spiegazione a questo accanimento”.

Padre Peter Gumpel, relatore per la causa di beatificazione di Papa Pacelli, ha scritto che: “II libro di John Cornwell è scadente, superficiale e poco attendibile, l’autore è così prevenuto, tendenzioso e unilaterale che c’è da chiedersi che cosa lo abbia spinto a scrivere un libro così calunnioso”.

La Santa Sede ha risposto indignata alla tesi di Cornwell con una precisazione pubblicata da L’Osservatore Romano in cui la credibilità dell’autore britannico viene totalmente distrutta. Cornwell ha affermato che il suo libro è frutto di mesi di lavoro nell’archivio della Segreteria di Stato. L’Osservatore Romano precisa invece che Cornwell ha consultato l’archivio della sezione per i Rapporti con gli Stati dal 12 maggio al 2 giugno 1997. Ha lavorato per meno di un’ora al giorno per circa tre settimane. Oggetto della sua ricerca sono stati la Baviera (1918-1921), l’Austria, la Serbia e Belgrado (1913-1915), una documentazione che non ha neanche utilizzato. Cornwell ha affermato che i documenti da lui trovati erano stati tenuti strettamente segreti fino a quando egli svolse la sua ricerca. A questo proposito egli sostiene di aver trovato un documento esclusivo e inedito del 1919 che proverebbe l’antisemitismo di Pacelli. Cornwell    parla    di questa lettera come di “una bomba a tempo” (Like a timebomb) che sarebbe stata tenuta segreta nell’Archivio Vaticano. In realtà L’Osservatore Romano fa notare che tale lettera (di cui Cornwell cita solo alcune frasi avulse dal contesto) era già stata pubblicata per intera in Italia sette anni fa, nel volume scritto da Emma Fattorini “Germania e Santa Sede – la nunziatura di Pacelli fra la Grande Guerra e la Repubblica di Weimar” (Società Editrice Il Mulino, 1992). Critiche dure sono state mosse a Cornwell non solo dagli ambienti cattolici ma da storici e studiosi di estrazione diversa.

A questo proposito, Kenneth L. Woodward ha scritto sul settimanale statunitense Newsweek che “errori nel raccontare i fatti e ignoranza del contesto storico appaiono in quasi ogni pagina del libro”. Anche l’autorevole professore ebreo Michael Marrus, storico e preside di Graduate Studies presso l’Università di Toronto, ha definito il libro di Cornwell “superficiale scandalistico”. Nonostante la qualità scadente e le tante mistificazioni, il libro di Cornwell è stato oggetto di una delle più vaste e diffuse campagne pubblicitarie mai fatte per un volume di questo tipo.

Sembra quindi evidente che “Hitler’s pope” sia stato pensato come strumento per gettare fango sulla figura di un grande Papa come Pio XII, anche se questo sembra essere solo il primo degli scopi. In realtà, il libro di Cornwell non mira solo a diffamare Pio XII. Si tratta di un attacco alla concezione cattolica del papato. Nel libro, infatti, Cornwell protesta contro la nomina dei Vescovi decisa dal Papa. Se la prende con la dichiarazione di infallibilità del Concilio Vaticano Primo e contro la definizione dei dogmi mariani. Cornwell sostiene che tutti i papi sono dittatori. Nell’ultimo capitolo critica Giovanni Paolo II, che a suo giudizio dirige la Chiesa in maniera più autoritaria di Pio XII. Inoltre, analizzando alcuni commenti positivi al libro di Cornwell, che pure ci sono stati, è esplicita la richiesta di ritardare o addirittura fermare il processo di beatificazione del Servo di Dio Eugenio Pacelli. E proprio quest’ultimo sembra essere l’obiettivo più significativo che il libro di Cornwell vorrebbe raggiungere. Ma se si vanno a guardare le reazioni della Santa Sede, del mondo cattolico ed anche della società civile in tutti i Paesi dove il libro di Cornwell è stato pubblicato, si ha la netta impressione che questa volta Cornwell e i suoi sostenitori abbiano sbagliato a fare i conti. Sembra proprio vero il detto che dice: “Chi semina vento raccoglie tempesta”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...