Gli esorcismi di Pio XII per evitare che vincessero i comunisti nel maggio 1958

Documenti riservatissimi che emergono dal Vaticano e che riportano a galla un pezzo di storia rimasto fino ad ora sepolto. Esorcismi a distanza per allontanare lo zampino del demonio sulle elezioni politiche del 1958 e scongiurare il pericolo di una vittoria dei comunisti. 

Continua a leggere “Gli esorcismi di Pio XII per evitare che vincessero i comunisti nel maggio 1958”

L’apertura degli archivi su Pio XII e i pregiudizi da sfatare

Diversi saggi pubblicati a pochi giorni dall’apertura degli archivi si rivelano a tratti superficiali rendendo sempre più pressante la necessità di uno sguardo globale sui fatti per evitare semplificazioni e tesi infondate.

Continua a leggere “L’apertura degli archivi su Pio XII e i pregiudizi da sfatare”

Humani Generis, l’errore va combattuto

Il 12 agosto 1950 il ven. Pio XII promulgava l’Humani Generis, un’enciclica “circa alcune false opinioni che minacciano di sovvertire i fondamenti della dottrina cattolica”. Si tratta di un documento di grande attualità, che dà le coordinate per un retto rapporto tra fede e ragione, e indica il compito di filosofi e teologi cattolici di fronte al pensiero moderno.

Continua a leggere “Humani Generis, l’errore va combattuto”

Mascagni, amico e testimone di un “miracolo” di Pio XII

Oggi, 2 agosto, ricorre il 75° anniversario della morte di Pietro Mascagni. Il celebre compositore aveva un rapporto di amicizia e venerazione verso Pio XII. Un giorno, in udienza privata, confidò a Pacelli il grave stato di salute della propria nipotina, a cui il Papa mandò un rosario e la sua benedizione.

Continua a leggere “Mascagni, amico e testimone di un “miracolo” di Pio XII”

«La riconoscenza non è di questo mondo»

Il Vaticano sapeva dell’Olocausto, ma non lo denunciò per svolgere un’azione umanitaria in favore degli ebrei. Pio XII però capì che quella scelta lo avrebbe esposto a critiche.

Continua a leggere “«La riconoscenza non è di questo mondo»”

Così Pio XII si oppose alla violenza nazista

Gli archivi vaticani messi a disposizione dei ricercatori storici non possono che confermare quanto già ampiamente provato circa l’opera di papa Pacelli in difesa degli ebrei perseguitati da Hitler.

Continua a leggere “Così Pio XII si oppose alla violenza nazista”

Su Pio XII il Vaticano aveva già pubblicato tutto. Niente scoop.

A pochi giorni dall’apertura del fondo della Segreteria di Stato sul pontificato di Pacelli, parla il gesuita padre Giovanni Sale: «Le carte, tutte, relative alla questione ebraica sono già note dal 1965. Fu Paolo VI a volerne la pubblicazione. Ora gli storici di tutto il mondo potranno verificarne il contenuto sui documenti originali. La parte più interessante? È quella relativa al Dopoguerra ma sembra non interessare a nessuno».

Continua a leggere “Su Pio XII il Vaticano aveva già pubblicato tutto. Niente scoop.”

Su Pio XII polemiche strumentali. La sua santità è evidente

«Affermare che papa Pacelli non avesse alcuna intenzione di salvare gli ebrei, è molto grave, perché è anche un giudizio morale». «Tutta la documentazione esistente smentisce la presunta insensibilità per le sofferenze degli ebrei». «Motivi ideologici dietro la leggenda nera su Pio XII».«Il processo di beatificazione non si è mai interrotto, ci sono alcuni presunti miracoli allo studio». Parla Emilio Artiglieri, presidente del Comitato Papa Pacelli-Associazione Pio XII.

Continua a leggere “Su Pio XII polemiche strumentali. La sua santità è evidente”

Non perdonano a Pio XII di aver salvato 880mila ebrei

Le accuse a Pacelli sono sempre le stesse, basate sul nulla. Il silenzio di Pacelli è una favola per imbecilli creduloni.

Continua a leggere “Non perdonano a Pio XII di aver salvato 880mila ebrei”

Pio XII: lo storico Napolitano replica al rabbino Di Segni

Hanno sorpreso le dichiarazioni del rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni: «È molto sospetto questo sensazionalismo, con i fascicoli già pronti e le conclusioni facili proposte sul vassoio». Lo storico Napolitano replica: «A che pro chiedere sempre la loro apertura se poi il giudizio sarebbe rimasto invariato, immutabile?».

Continua a leggere “Pio XII: lo storico Napolitano replica al rabbino Di Segni”